sabato, dicembre 10, 2011

Pasta di zucchero: torte decorate o sculture? Ecco la ricetta.

"Simples!" ~ Compare the Meerkat themed cake with sugarpaste toppers
© Cakes by No More Tiers (Filckr)
La pasta di zucchero, chiamata anche sugarpaste, ha conosciuto in questo ultimo periodo una certa notorietà, merito della diffusione di programmi culinari che ne fanno largo uso (un esempio è “Il boss delle torte”) ma anche della presenza sempre più massiccia, sul mercato, di torte scenografiche; meravigliose opere d’arte lavorate, decorate, scolpite adatte a tutte le occasioni fanno capolino e si mettono in mostra grazie proprio alla pasta di zucchero che, opportunamente colorata e trattata, dà vita a dolci magnifici.

La sugarpaste può essere utilizzata anche per creare semplici decorazioni da utilizzare per abbellire torte di compleanno, matrimonio e altre occasioni ma anche per rendere unici biscotti o, utilizzata da sola, piccoli, bellissimi dolcetti.

Realizzarla non è difficile e, sempre più sono i negozi che mettono a disposizione ingredienti come la glicerina o il glucosio che non sempre sono semplici da reperire; in alcuni casi, anche negozi di liste nozze che organizzano corsi di cucina vendono il necessario per realizzare questa pasta e, talvolta, vendono anche il prodotto già pronto.


Valentina Gigli, televisivamente parlando è una delle pasticcere che ha contribuito, in maniera significativa, a diffondere questo prodotto e la sua ricetta, quella che prediligo, è anche semplice da preparare; se non volete rischiare di buttare tutto le prime volte, riducete le dosi. In alternativa, ecco quelle per un chilo di pasta:

55 ml di acqua
16 gr di gelatina in polvere
115 gr di glucosio liquido
20 gr di glicerina
1 Kg di zucchero a velo

Prendere una ciotola in acciaio e versarvi dell’acqua fredda unendo la gelatina in polvere poi, mescolare con cura e lasciare a riposare nell’attesa che l’acqua venga assorbita; a parte, nel frattempo, scaldare dell’acqua in un pentolino.

Attendere 10 minuti circa, poi mettere la ciotola contenete la gelatina a bagnomaria e favorirne il totale scioglimento quindi, continuando a mescolare, aggiungere il glucosio e la glicerina; è importante che il composta non raggiunga mai il bollore perciò fate bene attenzione alla temperatura.

Impastare poi in una semplice impastatrice o una planetaria (se non ne disponete potete comunque farlo a mano) lo zucchero a velo con la gelatina; lavorare lentamente mantenendo bassa la velocità finché non ne risulterà un composto liscio e omogeneo. Nel caso in cui dovesse indurire troppo si potrà aggiungere poca acqua fino a ottenere la consistenza desiderata mentre, nel caso in cui dovesse risultare troppo morbida, si potrà aggiungere dell’ulteriore zucchero.

Porre tutto l’impasto su una spianatoia o un tavolo da lavoro cosparso di zucchero a velo e continuare a lavorarlo verificando la consistenza, l’elasticità e l’assenza di grumi poi, avvolgere tutto nella pellicola per alimenti e porre in frigorifero.

Questa pasta può essere conservata due settimane circa e, prima di utilizzarla, basterà toglierla dal frigorifero poco prima dell’impiego.

Se proprio non doveste riuscire a reperire gli ingredienti attraverso i canali tradizionali, vi consiglio di dare uno sguardo ai negozi online che vendono prodotti per pasticceria; l’alternativa alla gelatina in polvere, se non doveste trovarla, è invece la colla di pesce, non la gelatina per torte.

Considerato l'avvicinarsi del Natale, ecco l'idea in più: utilizzatela per realizzare piccoli segnaposto da divorare al termine del pranzo Natalizio.

4 commenti:

lisanna ha detto...

ahahah... mi è salita la glicemia leggendoti : )

Laura ha detto...

Ahahaha, troppa dolcezza? ;-)

Luke ha detto...

la vorrei provare...

Laura ha detto...

Prova, è divertente e buonissima! :D

Lettori fissi

Powered by Blogger.