mercoledì, gennaio 18, 2012

Moira Orfei, la regina del circo

4 commenti     
categories: ,
Moira Orfei
© cabiria8 (flickr)  
In questo periodo di Moira Orfei si è parlato per via del presidio LAV tenutosi di fronte al suo circo, il giorno 6 gennaio; la manifestazione, indetta per salvaguardare la salute e il futuro degli animali, ha suscitato le ire dell’Ente nazionale circhi che ha difeso la propria posizione, sostenendo che non solo nel circo durante la fasi di addestramento ed esibizione gli animali non vengono torturati, ma i circhi, al contrario delle organizzazioni ambientaliste e animaliste, non ottengono finanziamenti.

Ma chi è la donna che ha reso il circo Orfei uno dei più famosi in tutto il mondo?

Miranda Orfei, nota al pubblico come Moira Orfei, nasce a Codroipo (Udine) il 21 dicembre 1931 da una famiglia circense: il padre è clown, i fratelli acrobati e anche la madre ha una parte attiva e di primo piano nel circo.

Il suo ambiente naturale è quindi sotto al tendone, a sei anni già si esibiva come cavallerizza, acrobata e trapezista; in seguito, con l’esperienza, divenne l'attrattiva principale del circo decretandone un successo in continua crescita e rendendolo famoso in tutto il mondo.

Dopo una prima apparizione cinematografica, nel 1960 conobbe Dino De Laurentis che la scritturò per il film “Sotto dieci bandiere”; la sua influenza fu enorme, fu lui ad aiutarla a scegliere lo pseudonimo “Moira” e l'aiutò nella creazione del look kitsch: occhi pesantemente cerchiati dall'eyeliner, capelli raccolti a turbante, rossetto appariscente, cipria in abbondanza, sopracciglia sottilmente disegnate e un neo marcato accanto al labbro.

E’ una figura “da locandina” che sprigionando carisma riesce ad attrarre folle di persone e per questo viene scelta come immagine rappresentativa; di fatto, proprio nel 1960, con il nome “Orfei” all'apice, venne fondato “Il Circo di Moira Orfei“ in cui, oltre alle performance citate precedentemente, Moira aggiunge esibizioni come addestratrice di colombe, domatrice di elefanti, tigri e animali feroci.

Nel 1961 sposa Walter Nones, noto impresario circense, produttore di “Holiday on ice” e “Il circo di Mosca” (solo per fare un paio di esempi) e, dal felice matrimonio nasceranno in seguito Stefano e Lara, avviati, come richiesto dalla tradizione, alla vita del circo.

Moira non è stata solo una grande artista circense poiché un'altra grande passione le ha permesso di farsi amare dal pubblico sotto spoglie differenti: quelle di attrice.

Sono oltre 45 i film in cui ha avuto occasione di partecipare e adattarsi in maniera camaleontica. Ha preso parte a pellicole impegnate, a comici e Kolossal; è possibile ricordare, a titolo d’esempio, “Gli amori di Ercole”, “Maciste l'uomo più forte del mondo”, “Totò e Cleopatra”, “Casanova '70” con Marcello Mastroianni oppure i più divertenti “Vacanze di Natale '90” e “Natale in India” con Christian De Sica.

Attrice completa ed esuberante, opinionista schietta e fuori dagli schemi, ha riscosso successo tra i produttori che ne hanno visto il talento oscurato da questi lati un po’ sopra le righe.

Nel 2006 è stata colpita da un ictus durante uno dei suoi spettacoli, ristabilitasi è tornata a condurre il suo circo; non si esibisce come un tempo ma nelle sfilate di fine serata non disdegna un'apparizione di fronte al suo pubblico che riesce sempre a gratificarla e a gratificarsi grazie a lei.

Il 15 novembre 2015 muore a Brescia e viene rinvenuta senza vita dai suoi cari nella sua abitazione.

Prima di concludere, una sola constatazione.

Esistono molti circhi che hanno successo e attirano spettatori pur non utilizzando animali nei loro numeri; le acrobazie spettacolari, le gag, i numeri di contorsionisti e giocolieri sono bellissimi ed emozionanti, i bambini non hanno bisogno di guardare gli animali, si divertono anche “seguendo” i clown, perché allora ricorrere alla schiavizzazione degli animali?

Certo non è un valore aggiunto... o sbaglio?

4 commenti:

ilrepungente ha detto...

Al momento è dalle mie parti. :D

Laura ha detto...

Forza, vai a protestare... :P

stefania ha detto...

Non mi è mai piaciuto il circo, neanche da bambina e meno che meno mi piace la "schiavizzazione degli animali"!!!

Laura ha detto...

Io ho un debole per i trapezisti invece... eheheh.

Lettori fissi

Powered by Blogger.