sabato, ottobre 27, 2012

Sabato in poesia: LE PAROLE - Eugenio Montale

5 commenti     
categories: ,
Montale Le parole
© Laura
Dopo alcune settimane torna di nuovo “Sabato in poesia” e, per , ho scelto un  componimento di Eugenio Montale: “Le parole”, tratto da Satura, Satura II.

Nessun collegamento all’attualità, niente poesie dedicate alla pioggia incessante o all’arrivo dell’inverno quanto, piuttosto, una dedica a ciò che regala la vita a questo blog, parole scritte, pensate, rimuginate. Parole che oggi, forse , non rifiuterebbero solo la carta di Fabriano, ma anche il freddo e incorporeo spazio virtuale in cui sono intrappolate.

LE PAROLE

Le parole
se si ridestano
rifiutano la sede
più propizia, la carta
di Fabriano, l’inchiostro
di china, la cartella
di cuoio o di velluto
che le tenga in segreto;

le parole
quando si svegliano
si adagiano sul retro
delle fatture, sui margini
dei bollettini del lotto,
sulle partecipazioni
matrimoniali o di lutto;

le parole
non chiedono di meglio
che l’imbroglio dei tasti
nell’Olivetti portatile,
che il buio dei taschini
del panciotto, che il fondo
del cestino, ridottevi
in pallottole;

le parole
non sono affatto felici
di essere buttate fuori
come zambracche e accolte
con furore di plausi e
disonore;

le parole
preferiscono il sonno
nella bottiglia al ludibrio
di essere lette, vendute,
imbalsamate, ibernate;

le parole
sono di tutti e invano
si celano nei dizionari
perché c’è sempre il marrano
che dissotterra i tartufi
più puzzolenti e più rari;

le parole
dopo un’eterna attesa
rinunziano alla speranza
di essere pronunziate
una volta per tutte
e poi morire
con chi le ha possedute.

5 commenti:

Lavia ha detto...

Bella poesia .. non la conoscevo.. ed un sorriso mi è venuto leggendo .. "le parole
non sono affatto felici
di essere buttate fuori
come zambracche e accolte
con furore di plausi e
disonore;" Forte ! :-)

Anonimo ha detto...

oh, che bello, questa rubrica settimanale mi piace molto. la poesia mi a fatto riflettere molto...
monca c.

Letizia ha detto...

Anche se volge al termine, ti auguro buona domenica!

Duran63 ha detto...

Che strana poesia, non la conoscevo. Ha qualcosa di insolito dallo stile di Montale...Ciao

Laura ha detto...

@Lavia, ahahah, povere parole, obbligare a far quello che vogliamo noi :-)
@Monica, mi fa piacere :-)
@Letizia, grazie, buona nuova settimana :-)
@Duran63, qui ormai siamo nella maturità... lontani forse dalle più note :-)

Lettori fissi

Powered by Blogger.