venerdì, dicembre 14, 2012

Cuffie senza filo, guida all'acquisto

Le cuffie senza filo sono un’ottima soluzione per le più disparate esigenze: perfette in condominio, ideali per non disturbare il sonno dei neonati e dei bambini piccoli, per non infastidire chi stia svolgendo attività che richiedano concentrazione e silenzio, per muoversi liberamente in casa sicuri di non perdere nemmeno un secondo del brano musicale o programma televisivo in svolgimento. 

Recandosi in un negozio per sceglierne un modello, prima di osservare l’estetica o il tipo di padiglione ci si dovrà chiedere che utilizzo faremo di questo prodotto; nel caso in cui lo si voglia indossare solo nella stanza in cui abbiamo lo stereo, il televisore o un pc dovremo fare una scelta diversa rispetto al volerlo utilizzare anche (per esempio) su un balcone o una veranda. 

Il sistema di trasmissione del segnale in questo caso è il punto focale poiché questi apparecchi possono trasmettere tramite infrarossi, onde radio, bluetooth e negli ultimi anni si è assistito all’affermarsi della tecnologia “Kleer” che abbatte molte delle limitazioni imposte dai precedenti wireless ottenendo una superiore fedeltà del suono. 

I modelli funzionanti a infrarossi richiedono sempre una certa vicinanza alla sorgente del suono poiché, uscendo dalla portata del trasmettitore, dapprima si compromette la qualità dell’audio e in seguito si perde il segnale; i modelli a onde radio invece hanno una portata maggiore, arrivano a oltre 100 metri, offrono una qualità del suono inferiore però la trasmissione può essere disturbata (per esempio) dai cellulari nelle vicinanze. 

Il bluetooth è un caso a parte poiché utilizza la tecnologia simile a quella dei telefoni cellulari e richiede un dispositivo compatibile per poter essere utilizzato; l’auricolare bluetooth di un cellulare potrebbe così essere utilizzato per ascoltare musica da un apparecchio con cui si possa connettere. 

Vi è poi da considerare la forma dei padiglioni ed eventuali accessori; gli auricolari possono essere molto grandi e coprire, avvolgendolo, l’intero orecchio, comodi e scomodi allo stesso tempo offrono un buon isolamento dall’esterno ma in estate possono divenire insopportabili ed essere fastidiosi se si indossano gli occhiali. 

Le cuffie di tipo aperto e ad auricolare isolano meno, sono meno ingombranti e più leggere. 

Prima di acquistare queste cuffie, partendo dal presupposto che sono piuttosto costose, chiedete sempre di poterle provare perché anche se regolabili, potrebbero essere troppo grandi e non adatte a voi mettendovi nella posizione di avere un prodotto che scivola ogni volta che piegate la testa in avanti. 

C’è infine da considerare un’ultima categoria di cuffie; chi utilizza il pc per telefonare, se non dispone di un pc con audio e microfono integrati o desidera mantenere un po’ di privacy, può orientasi su cuffie con microfono integrato.

Loading...

4 commenti:

  1. Mi chiedo sempre se e quanto siano dannose alla salute dell ´orecchio.

    RispondiElimina
  2. comode sono senz'altro comode... ho qualche dubbio sulla qualità del segnale
    monica c.

    RispondiElimina
  3. Io le ho usate spesso per guardare la tv senza dar fastidio e non ho mai notato un segnale pessimo... con la musica però non lo so...

    RispondiElimina