venerdì, giugno 27, 2014

Allarme zanzare: i consigli degli esperti su come difendersi

Con le zanzare arrivano i primi fastidi: pruriti, rossori, disturbi notturni e allergie non tardano a comparire. L’estate 2014 non fa prevedere nulla di buono, pare infatti che la presenza di questi insetti, a causa dei cambiamenti climatici, sarà purtroppo intensa.

L’inverno è stato insolitamente mite, come certificato dall’Istituto di Scienze dell’Atmosfera e del Clima del CNR e milioni di uova deposte dalle zanzare sono riuscite a sopravvivere a causa dell’assenza di un freddo più intenso (questo febbraio è stato tra i più caldi degli ultimi 200 anni, facendo registrare una media di 2,5 gradi in più rispetto alla media del periodo). Le continue piogge primaverili poi, non hanno fatto altro che far degenerare la situazione.

A questo punto è necessario chiedersi come difendersi a 360° da questi insetti e, la risposta, ci viene da un vademecum realizzato da NoFlyStore che dispensa consigli ecologici e naturali.

Il concetto di base per ogni rimedio è che se le zanzare da un lato odiano gli odori forti, dall'altro si stanno abituando sempre di più ai classici rimedi utilizzati per decenni nelle case, per cui diventa necessario agire con una serie di interventi, che vanno dal giardino, al balcone, all'interno della casa” ha dichiarato lo staff in occasione del lancio del nuovo sito.

Il giardino è il primo punto da cui partire per difendersi e, tra le piante repellenti che ci possono venire in aiuto c’è in primo luogo la calendula. La catambra, originaria dell’America Boreale, ha una profumazione che, impercettibile dall’uomo, si rivela invece fastidiosa per gli sgraditi insetti, grazie alla presenza di catalpolo; la monarda, simile alla citronella, ben sopporta i climi afosi quindi, perfetta per difenderci e, lo stesso vale per l’agerato che, piantato in vaso, allontana le zanzare.

I vasi, in cui si raccoglie acqua stagnante (anche dopo aver bagnato i fiori), diventano terreno fertile per la diffusione delle larve perciò, è essenziale creare un deflusso; chi ne ha la possibilità, sul balcone può piantare basilico, geranio e menta, ottimi per scoraggiare le zanzare.

Anche le zanzariere fanno la loro parte tuttavia, perché riescano a svolgere il loro compito in maniera egregia, è necessario, a detta degli esperti, sceglierle con attenzione; in alcuni casi possono essere montate in autonomia (valutando però attentamente ogni aspetto). Ne esistono diversi tipi: avvolgenti, fisse, a pannelli scorrevoli o plissettate, ognuna è in grado di rispondere a esigenze specifiche. Alcune hanno guide inferiori molto basse, perfette per non intralciare il passaggio, utili particolarmente nel caso in cui siano presenti persone con capacità motorie ridotte; altre si aprono da destra, sinistra o dal centro. Perché però le zanzariere non facciano passare le zanzare, è necessario che abbiano una trama molto stretta ma sufficiente da lasciar passare l’aria.

Da ricordare è anche il fatto che i cosmetici, molti profumi, prodotti contenenti acido stearico e alcuni odori personali attirano gli insetti; mangiare aglio, assumere ledum palustre, usare creme al geranio o alla citronella allontanano le zanzare dal corpo anche se, sono pratiche poco apprezzate nel sociale. Infine, è bene tenere a mente che l’abbigliamento ha una sua importanza, il nero e il rosso attirano le zanzare mentre il bianco è il repellente per eccellenza, seguito da verde e giallo.

4 commenti:

Luke Scintu ha detto...

allora mi metto solo magliette verdi e bianche :)

berenice ha detto...

Ahi, ahi, come le detesto! Da due anni sono diventata allergica alle loro punture che danno prurito e orticaria

Laura C. ha detto...

Ottima idea, a me non donano, mi toccherà subire le punture :-)

Laura C. ha detto...

CAspita Berenice, è un bel guaio! Per te la prevenzione allora sarà molto importante!

Lettori fissi

Powered by Blogger.