Sabato in poesia: SAN MARTINO – Giosuè Carducci

Per questo “Sabato in poesia” la scelta è ricaduta su una poesia (San Martino) che ha acceso un dibattito in famiglia nel corso della scorsa settimana; per qualche strano motivo, le versioni conosciute non coincidevano così, ho pensato di cercarla e decretare il vincitore della diatriba.
San Martino” è nota non solo per essere stata scritta da Giosuè Carducci ma anche, per essere stata portata al successo e resa accessibile anche a chi non avesse particolare voglia di studiare, da Fiorello che, negli anni ’90 ne ha presentato una versione cantata.
SAN MARTINO
La nebbia a gl’irti colli
piovigginando sale,
e sotto il maestrale

urla e biancheggia il mar;

ma per le vie del borgo
dal ribollir de’ tini
va l’aspro odor dei vini
l’anime a rallegrar.
Gira su’ ceppi accesi
lo spiedo scoppiettando:
sta il cacciator fischiando
su l’uscio a rimirar
tra le rossastre nubi
stormi d’uccelli neri,
com’esuli pensieri,
nel vespero migrar.
Loading...

5 COMMENTS

  1. ahhh… perfetto! san martino cade domani.. la poesia non è uno splendore ma è intonatisdima al tempo di milano di oggi… e poi è una di quelle che si ricordano sempre a memoria, anche dopo decenni
    monica c.

  2. @Duran63, grazie 🙂
    @Monica, è vero il tempo ispirava proprio… per fortuna è passato 😉
    @Letizia, credo di aver vinto la sfida grazie a Fiorello ;D
    @Luke, già, davvero bravo 🙂

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.