Home Bellezza e benessere Proprietà del carbone vegetale, ecco quali disturbi cura

Proprietà del carbone vegetale, ecco quali disturbi cura

by Laura C.

Ultima modifica: 27 Dicembre 2022 by Laura C.

Il carbone vegetale è un integratore vegetale utile in molte occasioni, soprattutto in caso di meteorismo e aerofagia, risultato di abitudini scorrette come un’alimentazione sbagliata, l’ingestione di aria nel corso della masticazione, problemi intestinali.

Il gonfiore addominale non è solo fastidioso, a volte mette a disagio e può essere anche doloroso e diventare un problema quando arriva al punto da rendere difficile allacciare i pantaloni.

Il carbone si rivela utile in questo caso perché agisce proprio su aerofagia e flatulenza, tuttavia, le sue proprietà non si fermano qui.

E’ utile infatti anche in caso di intestino irritabile, diarrea, avvelenamenti, colesterolo elevato, dispepsia, colite, gastrite, acidità di stomaco.

Lo si ricava dalla betulla o altri legni che vengono sottoposti a trattamenti che lo trasformano in un prodotto che sia in grado di assorbire, comportandosi, di fatto, come una spugna e acquisendo la proprietà di adsorbenza.

Qualsiasi forma si decida di assumere, sia in polvere che in compresse, non perde la capacità di inglobare le particelle d’aria ed eliminarle in seguito attraverso le feci.

L’assunzione varia a seconda della formulazione scelta tuttavia, è sempre bene attenersi alle istruzioni riportate sulle confezioni e non esagerare per non incorrere in problemi ben peggiori di quelli che si intendono curare.

Nonostante si tratti di un prodotto naturale, ha controindicazioni legate proprio alla sue proprietà assorbenti.

Per questo motivo è bene fare attenzione a non assumerlo in concomitanza con farmaci di cui potrebbe limitare l’assorbimento dei principi attivi, tra questi, rientra anche la pillola.

Quando si deve prendere il carbone vegetale?

Da assumere prima o dopo i pasti (un paio di compresse), nel caso in cui si stiano assumendo altri farmaci, è bene lasciar trascorrere alcune ore prima di ingerirlo.

Per questi motivi è anche considerato un primo rimedio a cui ricorrere in caso di ingestione eccessiva di alcune sostanze velenose (non cianuro, integratori di ferro, soda caustica, alcol etilico e metilico).

Nonostante sia antidiarroico, c’è però da notare che in caso di ingestione eccessiva o di uso prolungato possa agire in maniera opposta e diventare un diarroico.

Lo spettro d’azione del carbone vegetale è molto ampio e agisce anche sul colesterolo, che viene assorbito non dall’organismo, ma viene espulso. Allo stesso modo aiuta a eliminare dall’organismo batteri, additivi, medicinali.

Quali sono le controindicazioni del carbone vegetale?

Come già detto, se preso ravvicinato ad altri farmaci, può annullarne o ridurre l’assorbimento dei principi attivi. Nei primi tempi potrebbe causare costipazione (da evitare quindi se si soffre di stitichezza) mentre, a lungo andare, potrebbe causare l’effetto opposto.

Uno strumento utile perciò in molte occasione per risolvere piccoli e grandi problemi, facendo però attenzione a non assumerlo in maniera erronea.

Ti potrebbero interessare questi articoli

8 commenti

Mara Mencarelli 9 Giugno 2014 - 13:44

si in effetti il carbone vegetale sebbene bruttino come presentazione è utilissimo in molti disturbi intestinali e in determinate patologie…

Rispondi
wp_809244 9 Giugno 2014 - 20:14

Si, è davvero utile, io ne ho sempre un po' in casa 🙂

Rispondi
caterina perna 10 Giugno 2014 - 18:53

grazie dell'info

Rispondi
wp_809244 11 Giugno 2014 - 13:13

Grazie a te del passaggio 🙂

Rispondi
Luke Scintu 11 Giugno 2014 - 19:33

dove si compra?

Rispondi
wp_809244 11 Giugno 2014 - 20:58

Ciao Luke, lo trovi in erboristeria e nelle farmacie omeopatiche. Ultimamente l'ho visto anche nelle farmacie "tradizionali". 😉

Rispondi
Luke Scintu 11 Giugno 2014 - 22:02

Grazie 🙂

Rispondi
wp_809244 12 Giugno 2014 - 10:52

Di nulla 🙂

Rispondi

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.