Home Attualità Post mortem alternativo, ecco cosa fare col vostro corpo

Post mortem alternativo, ecco cosa fare col vostro corpo

by Laura C.
Che pensate di fare del vostro corpo dopo la morte? Di certo a voi non tornerà utile però, sfruttando le alternative proposte dal mercato, avrete la possibilità di dargli una “seconda vita”.

Chi volesse essere utile al mondo e alla ricerca, potrà decidere di prendere parte a un programma di donazione del corpo; i tagli a università e istituti di ricerca sono sempre più frequenti perciò, perché non mettersi nelle mani di personale (studenti, medici e specialisti), che saprà farne buon uso? Nel caso in cui decideste di aderire al programma, potrete farlo compilando un modulo e avrete la possibilità di cambiare idea in qualsiasi momento; una bella notizia, il Dipartimento di Scienze Biomediche e Neuromotorie Sede Operativa di Anatomia Umana di Bologna, nell’accettare la salma, afferma di prendersi in carico le spese relative al feretro, cremazione o tumulazione… insomma, in tempi di crisi, si fa un’azione utile e si risparmia!

Un bel gioiellino si può ottenere dalle ceneri di un defunto perciò, perché non donarsi per creare un meraviglioso diamante da incastonare poi in un anello o un ciondolo? Insomma, chi “mette via” un paio di mariti, alla fine può arrivare a pensare di regalarsi anche un bel paio di orecchini; sopravvivendo a 3 mariti si riesce a ottenere una bella parure. Di fatto, scegliere di farsi trasformare in diamante, può essere un modo per stare sempre con la propria amata (o il proprio amato); il procedimento è semplice, dalle ceneri si estrae carbonio messo poi in una pressa e “cotto”. Un’alternativa che incontra molti favori e aiuta a risolvere il problema dei sovraffollamenti dei cimiteri.

Chi è attento all’ecologia può valutare Bios Urn, l’urna biodegradabile che permette di trasformare le ceneri in un albero; le ceneri si inseriscono nella parte inferiore quindi si chiude l’urna e la si pianta avendo cura di miscelare i componenti con un po’ di terreno. Nella parte superiore si inseriscono i semi e quando l’urna si sarà degradata, le ceneri diverranno nutrimento e fertilizzando, aiuteranno la pianta a crescere. E’ possibile scegliere tra cipresso, faggio, gingko, rovere, acero, quercia, frassino, pino e, questo metodo è perfetto per accogliere anche gli amici animali che siano venuti a mancare.

Gli amanti dell’ecologia e del riciclo che però preferiscono una “sistemazione” standard, possono pensare a Shelves for life. L’arredamento piace sempre più versatile, deve sapersi adattare e seguire il suo “proprietario”; così come molti lettini da bambino sono studiati per allungarsi, accompagnando la crescita, esiste una libreria che non ci abbandonerà mai, neppure dopo la morte. E’ ecologica e permette di risparmiare perché si trasforma in una “comoda” bara e permette di riciclare il legno evitando così di dover tagliare nuovi alberi, risparmiando anche sulla lavorazione e la conseguente emissione di sostanze inquinanti. I ripiani e le pareti laterali sono progettati per durare tutta una vita, al termine della quale, si potranno smontare e rimontare dandogli una nuova forma; la lastra di ottone che si trova sotto il ripiano di fondo, viene poi capovolta e le cifre incise per l’eternità.

Per chi trova la faccenda del post mortem noiosa, finalmente ecco delle valide alternative alla classica sepoltura o al farsi trasformare in cenere da tenere sul caminetto, tumulate o liberate nell’aria; ora non vi resta che fare la vostra scelta che, in alcuni casi, risolverà anche l’annoso problema del sovraffollamento dei cimiteri.

Loading...

Ti potrebbero interessare questi articoli

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.