Olio essenziale di Ylang Ylang, proprietà e utilizzo

Giallo e dal profumo dolce, sensuale, floreale, l’olio essenziale di Ylang Ylang risulta inebriante, ipnotico, e vagamente speziato.

In malese, Ylang Ylang vuol dire “fiore dei fiori” e appartiene alla famiglia delle annonaceae; il liquido oleoso dal colore giallognolo si ottiene per distillazione a vapore dei fiori.

Il primo distillato produce un olio essenziale qualitativamente migliore chiamato “Ylang Ylang extra” (quello di cui tratteremo in questo articolo), completo di tutte le componenti aromatiche; i suoi costituenti sono: b-pinene, germacrene-d, b-cariofillene, benzoato di metile, salicilato di metile, acetato di benzile, eugeniolo,  geraniolo, linalolo, nerolo, farnesolo, terpeni.

Il suo utilizzo è piuttosto vario, è un ottimo aiuto come stimolante del sistema circolatorio, nervino, cardiaco, euforizzante, afrodisiaco, ipotensivo e antispasmodico; dalla volatilità medio-bassa, si tratta di un olio prezioso, spesso utilizzato nella tradizione erboristica.

Proprietà dell’olio essenziale di ylan ylang

Questo olio viene tradizionalmente impiegato in caso di tachicardia e ipertensione, problemi di pelle (pelle grassa, irritata o screpolata), punture di insetti, diarrea, diabete, sindrome premestruale, caduta dei capelli, untuosità del cuoio capelluto.

Prezioso anche per l’azione che esplica sul sistema nervoso, agisce contro gli stati depressivi, lo stress, l’ansia, la rabbia, la collera, la tensione nervosa, la tristezza, la frustrazione, la collera e la paura.

E se la vita sessuale sembra non andare come si vorrebbe, si potrà chiedere aiuto proprio a questo olio perché risveglia il desiderio, combatte frigidità e impotenza, è afrodisiaco e perfetto quindi quando la libido sembra essere calata.

Come utilizzare l’olio essenziale di ylan ylang

L’olio essenziale di ylan ylan può essere utilizzato per frizioni, bagni, inalazioni o posto in un diffusore per ambiente.

Per prepararvi a un incontro d’amore e sfruttarne le proprietà afrodisiache, è possibile preparare un bagno caldo da condividere con il proprio partner, basta sciogliere in acqua un pugno di sale marino con 10 gocce di olio essenziale.

Se invece preferite i massaggi, preparate una miscela con 50 ml di olio veicolante (mandorle dolci, per esempio) e 5 gocce di olio essenziale; un massaggio sensuale effettuato con questa essenza porterà effetti benefici.

Restando in tema di bagni caldi, se addizionati con l’olio essenziale di ylan ylang, si rivelano efficaci per eliminare rabbia e frustrazione, calmare l’ansia e regolarizzare il battito cardiaco accelerato.

Un impacco pre-shampo sfruttando le proprietà dell’olio di ricino può essere effettuato per contrastare la caduta dei capelli; preparate la miscela mischiando 50 ml di olio di ricino con 2 gocce di olio essenziale, applicate sul cuoio capelluto e tenete in posa il più possibile.

Shampoo con ylang ylang

In alternativa, mettetene qualche goccia nello shampoo, nel balsamo o in una maschera per capelli, in questo modo si tonificherà il cuoio capelluto e si riequilibrerà l’eccesso di sebo. In tutti questi casi, lasciate agire qualche minuto prima di risciacquare.

Se unite qualche goccia (2 o 3 saranno più che sufficienti) a una maschera preparata con acqua, argilla e olio d’oliva, si darà una sferzata d’energia a una pelle spenta, affaticata e invecchiata, ma si contrasterà anche la secchezza e la tendenza l’untuosità (grazie anche al potere assorbente dell’argilla).

In genere questo olio è ben tollerato tuttavia, casi di sensibilità individuale possono sempre verificarsi; fate attenzione anche alle dosi perché la profumazione, in alcuni soggetti può provocare nausea e mal di testa.

Loading...

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.