Pietre di Boji, le pietre che alleviano i dolori e portano equilibrio

Le pietre di Boji non sono sempre facilmente reperibili però, nel caso in cui si dovesse riuscire trovarle, è bene ricordare che sono utili per curare piccoli e grandi malanni del corpo e dello spirito.

Vediamone le caratteristiche e proprietà.

Famiglia: pirite con involucro di limonite

Sistema cristallino: cubico/rombico

Processo litogenetico: secondario

Classe minerale: solfuri

Colore: nero/grigio/marrone

Giacimenti: Kansas

Zodiaco: Acquario e Scorpione

Pianeta: Marte

Chakra: tutti

Le pietre di Boji, considerate talismani sciamanici, si distinguono in femminili e maschili; le prime sono tonde e lisce mentre le seconde hanno una forma meno regolare, caratterizzata da cristalli di pirite e piccole protuberanze. E’ buona regola possederle entrambe ed utilizzarle contemporaneamente (la maschile nella mano sinistra e la femminile nella destra) per un periodo di tempo compreso tra i 15 e i 30 minuti.

E’ necessario però non riporle insieme per evitare che si smagnetizzino.

I livelli su cui agiscono le pietre di Boji

La sua azione si esplica su vari livelli, vediamoli.

Livello spirituale

liberano l’energia

eliminano i blocchi dell’aura

riequilibrano i chakra

aiutano a sintonizzarsi con la Madre Terra

bilanciano il lato maschile e femminile.

Livello mentale

favoriscono la serenità e il buonumore

liberano le emozioni represse

eliminano atteggiamenti autolesionistici

purificano da schemi di pensieri negativi permettendo di prenderne coscienza

aiutano a prendere coscienza di sé e delle situazioni in cui ci si trova

fanno riemergere problematiche ed emozioni che si credevano sopite

permettono di superare blocchi sia consci che inconsci.

Livello fisico

purifica l’organismo

allevia il dolore

aiuta a raggiungere il benessere

scioglie i blocchi energetici

rigenera i tessuti.

E’ perfetta in caso di mal di schiena, artrite, mal di denti, stanchezza e mancanza di energia, per rigenerare le cellule dei tessuti danneggiati.

Pietra di Boji femmina

Come utilizzare le pietre di Boji

Se ci si sente demoralizzati o lo stato d’animo è negativo, è sufficiente portarle con sé o tenerle in mano una ventina di minuti (nella sinistra la maschile, nell’altra la femminile, l’opposto se si è mancini) per vedere tutto in maniera più positiva.

In caso di dolori, la si deve appoggiare sul punto dolente o stringerne una in ogni mano.

Per sapere quale lato della pietra appoggiare sul corpo, si dovranno prendere le pietre, una in ogni mano, e avvicinarle e allontanarle l’una dall’altra finché si avvertirà una leggera attrazione; se non dovesse accadere, rovesciate una Boji e ripetete e, se di nuovo non dovesse accadere, rovesciate l’altra e riprovate. Il lato da appoggiare sul corpo è quello che provoca l’attrazione.

Se dopo aver svolto un “lavoro” spirituale ci si sente poco radicati, per ritrovare il radicamento basterà tenerne una in ogni mano finché eventuali sensazioni o sintomi (come vertigini, testa leggera, distrazione, malessere generale) saranno scomparsi.

In alternativa, per ritrovare il radicamento (ma anche per sperimentare guarigioni sia fisiche che spirituali), dopo averle avvicinate e allontanate più volte fino ad averne percepito l’energia, ci si dovrà sdraiare e posizionare la pietra maschile sopra la testa e la pietra femminile sotto i piedi.

Pietra di Boji maschio

In caso di scottatura, basterà applicare le pietre tenute precedentemente in freezer per evitare che si formino delle vesciche.

Come ricaricare le pietre di Boji

Devono essere ricaricate alla luce solare o lunare, ma non scaricate sotto l’acqua che le rovinerebbe.

Una volta esaurita la loro energia, terminato il lavoro che dovevano fare, le pietre muoiono rompendosi.

Loading...

6 COMMENTS

  1. Non ero a conoscenza di queste pietre ma devo ammettere che mi servirebbero per calmare un po’ un periodo non molto felice e soprattutto stressante della mia vita

  2. molto bella questa presentazione della pirite e delle pietre dii boji curano molte cose e riequilibrano i cakra ma sono poco note da quel che so

  3. Non avevo mai sentito parlare delle pietre di Boji ma devo dire che ho trovato il tuo articolo molto affascinante. Mi piacerebbe provare a usarle per migliorare il mio equilibrio.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.