Home Tempo libero Castiglione del Lago: cosa vedere e fare nella Perla del Trasimeno

Castiglione del Lago: cosa vedere e fare nella Perla del Trasimeno

by Laura C.
Castiglione del Lago

Castiglione del Lago è uno dei “Borghi più belli d’Italia”, affacciato sul Lago Trasimeno si trova in Umbria; visitarlo significa innamorarsi perdutamente di questa splendida località, delle sue vie, i panorami mozzafiato che offre, la cultura che si respira e, non è un caso che di lui ne parlarono con entusiasmo Stendhal, Goethe e la poetessa italiana Vittoria Aganoor.

Castiglione un tempo era un’isola e deve il suo nome alla fortezza, chiamata “Castello del Leone”, cui si arriva attraversando per intero il centro storico e che svetta sul promontorio offrendo un punto privilegiato di osservazione del lago.

Cosa vedere a Castiglione del Lago

Sospeso tra le rive del Lago Trasimeno e le verdi colline dell’Umbria, il centro storico di Castiglione del Lago si erge come una gemma antica, risplendente nel suo fascino senza tempo.

Il centro storico di Castiglione del Lago

A fare la parte del leone, oltre alla rocca, è proprio il centro storico, con la sua pavimentazione ottocentesca e le mura millenarie che la proteggono delimitandola

Costruite nel XIII secolo per proteggere il borgo dagli attacchi nemici, oggi offrono una panoramica mozzafiato sulle bellezze circostanti, su un lago dalle acque luccicanti e l’incantevole paesaggio umbro.

Passeggiare lungo il centro significa immergersi in un’atmosfera unica e suggestiva. Tra case di pietra, con i piccoli negozietti che vendono prodotti tipici e oggetti curiosi, botteghe artigiane, è come fare un viaggio nel tempo.

Tra angoli nascosti e tesori architettonici, si trovano anche locali in cui gustare le specialità del territorio, accompagnandole con un buon bicchiere di vino o una birra.

Al centro del borgo si trova Piazza Mazzini con la fontana rinascimentale e la statua del leone, simbolo dei Medici.

Centro di Castiglione del Lago

Centro di Castiglione del Lago

Caratteristica di questo borgo è il numero 3, il numero perfetto che rievoca la Santissima Trinità.

Qui infatti sono 3 le strade, 3 sono le piazze, 3 le Chiese, e 3 sono anche le porte di accesso: Porta Senese, Porta Fiorentina e Porta Perugina.

Triangolare era la Rocca, 3 sono le colline: la collina di Castiglione, la collina di Panicale e la collina di Pozzuolo.

Dopo aver lasciato l’auto in uno dei tanti parcheggi presso le mura e aver assaporato il panorama del lago visibile poco lontano, si può accedere tramite una delle porte.

La Chiesa di Santa Maria Maddalena

All’interno si incontra la Chiesa di Santa Maria Maddalena in cui è possibile ammirare i dipinti “Madonna del Latte”, “La cena di Emmaus” e la “Madonna in Trono”.

Costruita nel periodo medievale, presenta una facciata caratterizzata da elementi architettonici tipicamente rinascimentali. Questa chiesa, ha subito modifiche e restauri nel corso dei secoli.

Chiesa di San Domenico di Guzman

Nella via parallela si trova invece la Chiesa di San Domenico di Guzman, fondatore dell’ordine domenicano.

Costruita nel XIII secolo, u voluta dal duca della Corgna, Fulvio II Alessandro, per onorare un voto.

La moglie era infatti affetta da una cancrena al braccio che non voleva guarire in nessun modo e, il duca, pregò il santo di guarirla. La guarigione della donna ebbe come conseguenza la costruzione della Chiesa, al cui interno si trova ciò che fu utilizzato per favorire la guarigione. Sono inoltre custodite le tombe di Cesare Caporali e del duca Fulvio Alessandro.

La Chiesa mostra un’architettura gotica con influenze rinascimentali.

All’interno della Chiesa si trovano invece i dipinti della Vergine con il Bambino, le statue di San Domenico e dell’Arcangelo Michele, e un organo seicentesco.

Castiglione del Lago

Vista da Castiglione del Lago

Palazzo della Corgna

Dopo aver percorso il centro, prima di arrivare al castello ci si imbatte nel comune, Palazzo della Corgna o Palazzo Ducale. V

Voluto da Ascanio della Corgna nel 1563, è un esempio di architettura rinascimentale ed è un esempio di residenza nobiliare nella regione.

Caratterizzato da un’imponente facciata, ha un cortile interno circondato da logge.

Al suo interno riporta affreschi che celebrano il casato, le gesta di Ascanio, gli Dei dell’Olimpo e molti altri. Caratteristica è la sala delle aquile, ornata da un soffitto affrescato con aquile che reggono lo stemma della famiglia della Corgna.

 Il palazzo ospitò in passato personalità di spicco come Macchiavelli e Leonardo da Vinci.

Oggi, il Palazzo della Corgna è aperto al pubblico come museo, dove è possibile ammirare le sue sale storiche e le collezioni d’arte. È anche sede di eventi culturali e mostre temporanee, contribuendo così a preservare e promuovere il ricco patrimonio artistico e storico di Castiglione del Lago.

La Rocca del Leone

Si giunge infine alla Rocca del Leone, realizzata nel 1200 da Federico II di Svevia, ha un bel giardino in cui è possibile trovare un po’ di frescura.

Esempio di architettura militare, fu costruita per difendere il borgo e controllare le rotte commerciali strategiche.

Dai suoi camminamenti, tra antiche merlature e torri di avvistamento, è possibile godere dello splendido spettacolo del lago mentre, il mastio, costituisce l’unico punto da cui è possibile ammirare ogni punto del lago. Dal camminamento coperto invece si arriva direttamente al palazzo ducale.

Vista sul Lago Trasimeno

Vista sul Lago Trasimeno dal mastio

E’ sconsigliata la visita a chi soffre di vertigini e acrofobia perché il mastio potrebbe creare qualche problema, nonostante sia sicuro.

Chi invece soffre di claustrofobia è bene che eviti il camminamento coperto che, anche se non molto lungo e con qualche piccola apertura qua e là, è molto stretto e non molto alto.

Camminamento coperto

Camminamento coperto della Rocca del Leone

Nel corso del tempo la costruzione ha subito varie modifiche, nel 1503 fu migliorato e divenne residenza estiva di Giampaolo Baglioni e Malatesta IV in seguito, Ascanio della Corgna ottenne di poter inserire al suo interno un giardino all’italiana e sostituire alcune torri.

Negli anni successivi i proprietari si dedicarono principalmente agli interni quindi, passò prima sotto la giurisdizione pontificia poi, al comune.

Oggi è un vivace centro culturale all’interno della quale è possibile conoscere l’intensa storia umbra.

Castiglione del Lago è un luogo ricco di storia e di fascino, se vi trovate in zona, non perdetevelo, sarebbe come lasciare un gioiello rinchiuso in uno scrigno.

Meglio ammirarlo, osservarlo, carezzarne la fulgida bellezza, organizzare una bella gita all’Isola Maggiore e fermarsi anche per un bagno rinfrescante nelle sue belle acque.

Le spiagge attrezzate

Diverse sono le spiagge attrezzate a Castiglione del Lago che permettono di passare un po’ di tempo tra tintarella, relax e bagni.

Sono presenti un Lido Comunale con sdraio, lettini, ombrelloni e offre la possibilità di noleggiare pedalò e canoe.

Vicino al campeggio, si trova il Lido Arezzo, attrezzato, con giochi anche per i più piccini.

 

Ti potrebbero interessare questi articoli

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.